Risanamento conservativo in  Via Scarpatetti a Sondrio

              Il quartiere di Scarpatetti a Sondrio è il quartiere contadino del del capoluogo. Tra sottopassi e scorci suggestivi, l'attività degli abitanti di questo quartiere popolare era ritmata dai cicli dei lavori stagionali, in particolare quelli connessi alla vitivinicoltura e all'allevamento e da una sentita religiosità sottolineata dalle cappelle poste a lato della strada e dagli affreschi devozionali. Solo a partire dagli anni '60 Scarpatetti ha cominciato a risentire delle trasformazione del secondo dopoguerra e le case contadine hanno cominciato a perdere le loro funzioni originarie e ad essere abbandonate. Negli anni '70 un Piano particolareggiato ha posto le premesse per un recupero edilizio che è iniziato però solo a metà degli anni '80. Il quartiere si è piano piano trasformato in una zona residenziale e si è posto il problema del recupero degli edifici nel rispetto delle tipologie e delle caratteristiche tradizionali.

La corte detta del "Circulìn" è uno degli spazi più suggestivi di questa parte della città. Qui è stato realizzato uno dei primi interventi di riuso di una stalla e fienile (1987). Nonostante i problemi dovuti al cambio di destinazione d'uso, l'intervento ha cercato di valorizzare i criteri estetici e compositivi delle antiche dimore e salvaguardando a  questo luogo il fascino che altrove è stato completamente cancellato.

L'edificio prima dell'intervento (Foto G.Giugni ©)

L'edificio dopo l'intervento di risanamento (Foto G.Giugni©)

Il soggiorno e la parete caminetto (foto G.Giugni ©)

L'edificio dopo l'intervento di risanamneto (Foto G.Giugni©)






[Progetti] [Quaderni Valtellinesi] [Links Consigliati] [L'Umana Dimora]
 [Pubblicazioni sulla Montagna]